Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica

Dipartimento di Salute Umana - Direttore Dr. Francesco Saverio Negrone - Tel 0971/425227 


Compiti e funzioni del Servizio

a) indagini epidemiologiche; b) educazione sanitaria relativa all’igiene e sanità pubblica; c) profilassi delle malattie infettive e diffusive; d) controllo annuale degli interventi routinari di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione e indicazione di quelli da attivare nelle emergenze infettivologiche, nonché relativa vigilanza; e) visite mediche fiscali; f) attività che la normativa vigente in materia di polizia mortuaria e di vigilanza cimiteriale attribuisce alla competenza dell’ASP; g) accertamenti preventivi di idoneità: per la cessione del quinto dello stipendio, per il rilascio porto d’armi, rilascio e conferma patente autoveicoli e patente nautica, rilascio e conferma di patente in caso di minorazione e/o provvedimento di revisione del titolo stesso disposto da autorità competenti (Prefettura e Motorizzazione Civile), per la conduzione delle caldaie generatori di vapore, per parrucchieri, barbieri, estetiste e visagiste; h) accertamenti di igienicità, agibilità ed abitabilità degli edifici o di parti di essi; i) accertamenti sulle condizioni igieniche dell’abitato urbano e rurale; l) pareri igienico-sanitari richiesti da autorità ed amministrazioni pubbliche; m) pareri relativi ai regolamenti comunali di igiene; n) pareri preventivi di carattere igienico-sanitario relativi a: progetti di costruzione ad uso pubblico: strutture scolastiche, sanitarie, socio-assistenziali, carceri, impianti cimiteriali, sedi formative, strutture ricettive, locali di pubblico spettacolo,mattatoi, impianti sportivi, etc., progetti di costruzione di insediamenti produttivi: industriale, artigianale, zootecnico, di servizi; o) parere per il rilascio dell’autorizzazione all'uso di apparecchiature di risonanza magnetica; p) pareri per l'esenzione della cintura di sicurezza); q) attuazione di piani e programmi nazionali e/o regionali di vigilanza e controllo sulle acque di balneazione r) attuazione dei piani regionali di controllo sul commercio ed impiego dei prodotti fitosanitari, relativa vigilanza e tenuta dei registri delle autorizzazioni, dei nulla osta, dei provvedimenti adottati per trasgressioni dei dati di vendita di tali prodotti; s) attività di protezione dai rischi dell'amianto di spettanza dell'ASP ai sensi della Legge 27 marzo 1992 n. 257 e relativa normativa di attuazione; t) partecipazione, ove prevista dalla normativa regionale, alle conferenze provinciali e regionali di servizio per l'approvazione dei progetti di impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti; u) pareri igienico sanitari sulla gestione dei rifiuti per conto della provincia, nei limiti previsti dall'eventuale convenzione stipulata ai sensi dell'art. 20, comma 2 e 3 del decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22; v) pareri e bonifiche siti inquinati, rilascio e rinnovi di A.I.A. di emissioni in atmosfera derivanti da attività produttive ed industriali; z) controllo sull'idoneità di locali ed attrezzature per commercio deposito ed utilizzo di sostanze radioattive ed apparecchi generatori di radiazioni ionizzanti, fatte salve le competenze assegnate ad altre amministrazioni; aa) controlli sulla produzione, detenzione, commercio ed impiego dei gas tossici; bb) vigilanza igienico-sanitario nelle scuole e negli altri ambienti comunitari; cc) vigilanza igienico-sanitario nelle strutture sanitarie private e pubbliche e negli stabilimenti termali; dd) vigilanza e controllo sulle piscine; ee) vigilanza sulle condizioni igienico-sanitario delle carceri e case mandamentali; ff) vigilanza sulle professioni ed arti sanitarie compresa la pubblicità sanitaria; gg) vigilanza su estetiste, parrucchieri, barbieri e visagiste; hh) certificati di abilitazione alla vendita ed all’uso di presidi sanitari e riconoscimento dei danni alla salute derivanti dall’uso degli stessi; ii) accertamento sanitario sulla capacità di deambulazione sensibilmente ridotta a persone diversamente abili ai fini del rilascio del contrassegno da parte dell'amministrazione comunale; ll) certificati sanitari attestanti la grave patologia che richiede terapia salvavita temporaneamente invalidante: la certificazione medica dovrà essere attestata da medico appartenente a struttura sanitaria pubblica o convenzionata o dal medico di medicina generale che ha in cura il lavoratore. Nei soli casi in cui sussistono dubbi o siano necessari chiarimenti sulla natura del "trattamento salvavita o assimilabili" della terapia, l'Amministrazione di appartenenza del lavoratore può chiedere un parere all' U.O.C. di Igiene e Sanità Pubblica dell'Azienda Sanitaria, alla quale sono attribuite le attività di Medicina Legale, che esprime la valutazione sulla ascrivibilità delle terapie al novero dei trattamenti salvavita" non entrando nel merito dei periodi concedibili ( n. dei giorni), in quanto tale dato deve essere debitamente specificato dallo specialista della struttura sanitaria; mm) astensione anticipata dal lavoro per gravidanza a rischio.

VENOSA - U.O. Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica - Via P. Di Chirico -

Ambulatori di Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica nei Comuni


POTENZA - U.O. Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica - Via della Fisica 18/A - B - Direttore - Dr. Francescio Saverio Negrone - tel.0971/425227 

 Ambulatori di Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica nei Comuni 


LAGONEGRO - U.O. Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica - Via Piano dei Lippi 1 -  Tel.0973/48503 - 641379

Ambulatori di Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica nei Comuni


ATTIVITA'