La carenza di iodio in Pediatria

Allarme in Basilicata, storicamente iodocarente: urgente monitoraggio
A POTENZA MAMME E BIMBI A SCUOLA PER SALVARE IL CERVELLO: PROGETTO ITALIANO CONTRO LA CARENZA DI IODIO IN PEDIATRIA
Evento aperto al pubblico con i medici dell’ASP di Potenza ed i pediatri dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana il 17 febbraio Da mercoledì 18 febbraio sensibilizzazione degli oltre 5.000 mila alunni delle 41 scuole di Potenza

Potenza, febbraio 2015 – L’incontro educazionale per combattere la carenza di iodio nei bambini, in previsione a Potenza per il 10 febbraio 2015, è stato rimandato, a causa del maltempo, a martedì 17 febbraio, così come la diffusione del materiale informativo a tutte le scuole del Comune di Potenza, programmata per mercoledì 18 febbraio. Si tratta della tappa lucana del Progetto Italiano Contro la Carenza di Iodio in Pediatria, promosso su iniziativa di SIEDP, Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica. Questa Campagna di educazione e di informazione alla salute infantile si propone di ribadire ad alunni, genitori e docenti l’importanza di assumere alimenti ricchi di iodio, dal sale iodato al pesce di mare ed al latte, promuovendone quindi un consumo adeguato. Si tratta di un’iniziativa promossa per fronteggiare la iodocarenza storicamente molto diffusa nella regione Basilicata, come nel resto d’Italia.

Allarme in Basilicata sulla carenza di iodio nei bambini
Al nuovo incontro parteciperà il dottor Giuseppe Citro, Coordinatore del Gruppo di Lavoro ASP per le Endocrinologie dell’Età Evolutiva – Referente SIEDP per la Basilicata. “Studi epidemiologici effettuati in Basilicata, per quanto risalenti alla fine degli anni ’90 e limitati a piccole aree interne, definiscono la nostra terra come iodocarente con il conseguente incremento delle patologie da carenza iodica, ivi compresi i deficit di sviluppo mentale - afferma il dottor Citro - sono pertanto importanti tutte le iniziative di sensibilizzazione rispetto a queste problematiche, peraltro risolvibili attraverso la supplementazione alimentare di iodio. A questa necessità non si è sottratta in passato la ASP di Potenza, che tra le iniziative di “Educazione alla Salute” dell’anno scolastico 2008/2009 inserì un progetto di sensibilizzazione che coinvolse 501 alunni delle scuole medie inferiori con incontri in classe per discutere della carenza iodica e delle sue conseguenze e con l’esecuzione di ecografie tiroidee che confermarono l’elevata prevalenza di gozzo; così come il tema fu ripreso in occasione della “Settimana Mondiale della Tiroide” del 2013 e rivolto questa volta a tre grandi Istituti Scolastici di Scuola Media Superiore di Potenza, Melfi e Venosa. Alla fase di sensibilizzazione, che ha coinvolto negli ultimi anni anche gran parte dei ginecologi della ASP, ora dovrebbe però seguire una verifica dell’effettivo introito alimentare di iodio nella nostra popolazione anche per l’opportunità, oramai da diversi anni, di acquisire facilmente nei supermercati il sale iodato”.


Ufficio stampa e segreteria organizzativa

Domina News srl - Presidenza Onoraria Sala Stampa Nazionale, via Cordusio, 4 - 20123 Milano Tel. 02 72094038 - Cell. 331.8759669 sito internet: www.dominanews.it Norma Ferracini - nferracini@dominanews.it Maria Grazia Acernese – mgacernese@dominanews.it

Ufficio Stampa Azienda Sanitaria di Potenza - Addetto Stampa Regina Cozzi – ufficiostampa@aspbasilicata.it 

AllegatoDimensione
Iodio a tavola, consigli alle mamme lucane [in formato doc]466 KB
Scarica il Manifesto [in formato pdf]1.23 MB