Contributi ai “trapiantati”. Le indicazioni ai residenti nell’ambito territoriale Val d’Agri

Riceviamo la nota del Responsabile dell’Assistenza Primaria di Lauria – Senise – Villa d’Agri, Dott. Salvatore Console, in merito le richieste di contributo relative alla L.R. 27/3/2000, n.22 e ss.mm.ii. “Provvidenze a favbore di soggetti residenti Basilicata sottoposti a trapianto di organo in Italia” trattate nell’ambito territoriale del Distretto Sanitario di Villa d’Agri:

“Si rende noto che da qualche mese le richieste riguardanti i contributi di cui alla legge regionale 27 Marzo 2000, n.22 – Provvidenze a favore di soggetti residenti in Basilicata,sottoposti a trapianto di organi in Italia-e successive modifiche e integrazioni – per i richiedenti aventi diritto residenti nell’ambito territoriale del Distretto Sanitario di Villa d’Agri vengono trattate da questo Servizio.

Pertanto nel richiamare la precitata normativa ed al fine di evitare incongruenze nel reperimento e invio della documentazione necessaria prevista dalla normativa si ricorda che per l’ottenimento del rimborso l’interessato deve farne richiesta alla ASP allegando la documentazione rilasciata dalla struttura sanitaria che attesti l’effettuazione del trapianto o del controllo pre o post trapianto nonché della presenza dell’accompagnatore che è consentita ai fini del rimborso solo nei casi previsti dalla normativa.

Alla richiesta dovrà essere allegata la documentazione originale riguardante le spese sostenute per i viaggi dal luogo di residenza a quello ove si trova la struttura sanitaria (biglietti originali di autobus-treno-aereo o in caso di viaggio in auto privata con accesso a mezzo autostrada la ricevute/e del pedaggio autostradale di andata e ritorno e documentazione probatoria circa l’acquisto del carburante). Ulteriormente per il rimborso delle spese di soggiorno (vitto e alloggio) per il richiedente e/o dell’accompagnatore se previsto dovranno essere allegate alla domanda le fatture originali,ricevute fiscali o scontrini fiscali relativi a dette spese.

Si aggiunge che il rimborso è consentito per i richiedenti la cui attestazione ISEE riferita al nucleo familiare sia pari o di sotto dei parametri stabiliti ( pari a ventimila euro o al di sotto). Anche l’attestazione ISEE dovrà essere inviata ed è di consuetudine quella dell’anno ove ricadono le prestazioni a rimborso. Si aggiunge che il rimborso forfettario per richiedente e accotripagnatore è previsto ed è riferito alle spese di soggiorno qualora il richiedente non si è in possesso di documentazione giustificativa.

La presente informativa non è esaustiva per cui in caso di dubbi è consigliabile richiedere informazione nei giorni ed orari d’ufficio al personale amministrativo di questo Servizio che risponde ai numeri 0973/661260 e 0973/ 48517. Si consiglia infine al fine di consentire una sollecita istruttoria della richiesta e del parere previsto da richiedere al Dipartimento Politiche della Persona della Regione Basilicata, nonchè da disposizioni finanziarie di presentare le eventuali richieste con sollecitudine rispetto alle prestazioni effettuate”.


Dr. Salvatore Console – Direttore f.f. Assistenza Primaria Lauria – Senise – Villa d’Agri